Welcome to ***SANTORI Fabrizio sito ufficiale, Rialzati Roma !!

     Eventi

     PARTECIPA
· Home
· Argomenti
· Cerca
· Il Mio Impegno
· Invita un amico
· Link
· Scrivimi
· Sondaggi
· Statistiche
· StopMoschee

     IN EVIDENZA
· Omniroma-ARVU-EUROPEA, SANTORI (FDI): PREMIO SICUREZZA RICONOSCIMENTO EROI NOSTR[ 0 commenti - 6 letture ]
· Omniroma-S.GIOVANNI, SANTORI (FDI) "SPUNTANO CARTELLI 'ATTENZIONE ALBE[ 0 commenti - 12 letture ]
· Omniroma-MURATELLA, SANTORI-CATALANO (FDI): LAVORI ASILO BLOCCATI CAUSA SCIATTER[ 0 commenti - 18 letture ]
· Omniroma-ASL RM1, SANTORI: INSPIEGABILE CHIUSURA AMBULATORIO VETERINARIO VIA ALD[ 0 commenti - 17 letture ]
· BANDI, CONCORSI, TIROCINI E OPPORTUNITA' NOVEMBRE 2017[ 0 commenti - 75 letture ]

[ Altro nella News Section ]

     Chi è in linea
In questo momento ci sono, 87 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

     SPRAZZI DI WEB

Comunicati stampa
[ Comunicati stampa ]

·Omniroma-ARVU-EUROPEA, SANTORI (FDI): PREMIO SICUREZZA RICONOSCIMENTO EROI NOSTR
·Omniroma-S.GIOVANNI, SANTORI (FDI) "SPUNTANO CARTELLI 'ATTENZIONE ALBE
·Omniroma-MURATELLA, SANTORI-CATALANO (FDI): LAVORI ASILO BLOCCATI CAUSA SCIATTER
·Omniroma-ASL RM1, SANTORI: INSPIEGABILE CHIUSURA AMBULATORIO VETERINARIO VIA ALD
·OSTIA. DI PILLO-PICCA CERCANO VOTI ASTENUTI, MA VINCE "TANTO NON CAMBIA NIE
·Omniroma-EX BUFFETTI, FDI-ECOITALIASOLIDALE: RAGGI FINALMENTE RISPONDE SU BONIFI
·Omniroma-SICUREZZA, FIGLIOMENI (FDI): "ROMA ALLO SBANDO, URGONO PROVVEDIMEN
·Omniroma-TARQUINIA, SANTORI-MOTTOLA (FDI): "SU UNIVERSITÀ AGRARIA RI
·Omniroma-PLANETARIO, SANTORI (FDI): CHIAREZZA SU BANDO-LAMPO AFFIDAMENTO A EX DO

 Info dalla Regione: LA REGIONE LAZIO DEVE PAGARE, OGNI GIORNO, TRE MILIONI DI EURO DI INTERESSI

Rassegna stampaItalia Oggi 9 marzo 2014Il governatore Zingaretti si fa bello riducendo l'aliquota Irpef ma la default e andrebbe abolita Regione Lazio è vicina al default DI TINO OLDANI La Regione Lazio è talmente indebitata che ogni giorno deve pagare alle banche tre milioni di euro, di cui un terzo per rimborsare il capitale e due terzi per gli interessi.


Dopo avere esaminato i bilanci degli ultimi anni, di recente la Corte dei conti ne ha dedotto che «la Regione Lazio, con 11 miliardi di debiti e una spesa sanitaria squilibrata, è in default da dieci anni» Nelle stesse condizioni, un'azienda normale sarebbe stata chiusa da un pezzo, e i libri portati in tribunale. Ma in politica di normale è rimasto ben poco. In un Paese normale, dove il debito pubblico è arrivato al 130 per cento del pil, l'abolizione di tutte le Regioni dovrebbe essere un passo obbligato per qualsiasi governo che volesse abbattere sul serio la spesa improduttiva e gli sprechi. E bilanci in default come quello della Regione Lazio dovrebbero essere impugnati dal premier come prova decisiva per agire mediante decreto. Ma a giudicare da quanto succede nel Lazio c'è poco da illudersi. Appena tre mesi fa, allarmata per il rischio incombente del default, la giunta di centrosinistra guidata da Nicola Zingaretti ha aumentato l'addizionale regionale Irpef; portandola dall'1,73% del 2013 al 2,33% per i redditi 2014 e al 3,33% per quelli del 2015. Aliquote record in Italia, che fanno dei contribuenti del Lazio i più tartassati: basti pensare che, non solo in Lombardia, ma perfino in Basilicata, l'aliquota è più bassa, appena 1'1,2 per cento. Ieri, all'improvviso, la retromarcia: Zingaretti ha convocato i sindacati e ha annunciato che l'aliquota del 2,33% si applicherà nel 2014 solo sui redditi superiori a 28 mila euro l'anno, e non più su quelli oltre i 15 mila euro. In questo modo, gli esenti salgono da 800 mila a due milioni, con un minore gettito di 400 milioni di euro. Soldi, questi ultimi, non ancora disponibili, ma da trovare. E Zingaretti ha giurato che li scoverà con i soliti tagli di spesa, per lo più imprecisati, e con la solita favo-letta della spending review. Promesse invece dei fatti. Sembra l'ennesimo balletto sulla tolda del Titanic. Pagare tasse più elevate per tenere in piedi un carrozzone come la Regione Lazio è soltanto un'offesa al buon senso. Questa megastruttura amministrativa non ha più alcuna funzione sul piano della democrazia, fornisce servizi scadenti e costosi (sanità e trasporti), costituisce uno spreco enorme di risorse e danneggia l'economia. Come rivela uno studio di Massimiliano Iervolino («Default Lazio»; Infinito edizioni), i 71 consiglieri regionali del Lazio in carica fino all'anno scorso (giunta di Renata Polverini) si sono distinti per scarsa laboriosità e incontenibile avidità di denaro. Nel corso di una legislatura regionale durata 29 mesi, sono state convocate in tutto appena 69 sedute, due ogni 30 giorni, e 120 adunanze, una a settimana. Il costo di ogni seduta è stato di 4 milioni di euro, per via dei gettoni di presenza. Soldi che si sono sommati a un'indennità di 18-20 mila euro netti al mese per ciascun consigliere, più le spese pazze assegnate a tutti i gruppi politici, un fiume di denaro in cui hanno sguazzato in tanti, e non solo i due consiglieri più indagati, ovvero Franco Fiorito (Pdl) e Vmcenzo Maruccio (Idv), un seguace di Antonio Di Pietro che si serviva di ben undici conti correnti per intascare in proprio i denari della Regione. Insomma, i soldi per lavorare non sono mai mancati. Ma che cosa è stato fatto? Sul piano legislativo, il Consiglio regionale del Lazio si è rivelato una finta democrazia, che non ha saputo produrre nulla di utile. I numeri sono impietosi. Su 393 proposte di legge, quelle approvate sono state 42, e 31 di queste erano a firma degli assessori. Su 421 mozioni, 371 non sono mai state discusse. Idem per le interrogazioni: una marea, ben 1428, di cui appena il 16,5 per cento è stato esaminato. In sostanza, scrive lervolino, «il Consiglio regionale ha delegato le sue prerogative all'esecutivo, non concorrendo alla determinazione dell'indirizzo politico. Una non democrazia». La ricaduta del malgoverno regionale è stata altrettanto dannosa sul piano economico e sociale. Nel 2012 la Regione ha speso circa 20 milioni di euro per i suoi 5,8 milioni di abitanti, in media 3.500 euro per ciascun laziale. Cifra considerevole, ma per nulla incisiva sul tenore di vita. Il pil pro capite (29.500 euro) è fermo al livello del 2005, ed è inferiore a quello di altre regioni capitale, come Bruxelles (59.800 euro), Parigi (47.800), Londra (43.300) o Amsterdam (39.500). Oltre all'Irpef più elevata in Italia, qui le imprese devono pagare un'aliquota Irap del 4,82%, contro il 3,9% delle Regioni del Nord. Nell'indice della produttività, il Lazio è al 133.mo posto su 268 Regioni. I ritardi nei pagamenti sono stimati in 14 mesi per la Regione, in 13 mesi per il Comune di Roma, e in 8 mesi per le aziende sanitarie. Ben un terzo dei fallimenti delle imprese sono dovuti non a scarsa capacità imprenditoriale, ma ai mancati pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Ancora. Vivere e lavorare nel Lazio è più costoso che nel resto dItalia perché sui residenti e sulle imprese grava un debito di circa 12 miliardi di euro, dovuto soprattutto alla cattiva gestione della sanità (sia di destra che di sinistra), per cui prima ancora di poter pagare per ottenere dei servizi, i contribuenti del Lazio devono pagare gli interessi sul debito regionale, pari a 900 milioni l'anno. Uno studio di «Fare per fermare il declino», in base a questi dati, ha dedotto che il Lazio «oggi non è un posto dove far nascere nuove imprese, né un posto per giovani e donne che vogliano entrare nel mondo del lavoro, né un posto dove trovare servizi e infrastrutture d'eccellenza». E non sarà certo la piccola aspirina fiscale della cura Zingaretti a cambiare uno scenario così disastroso. Per liberare risorse per la crescita servono due shock politici : abolire la Regione Lazio e mandare a casa l'intera classe politica che se ne è servita per arricchirsi, rubando e sprecando. Anche la cancellazione delle altre 19 Regioni d'Italia, a quel punto, incontrerebbe meno ostacoli. Un sogno, certamente. Ma di una politica che faccia sognare, c'è bisogno più che mai.

La Corte costituzionale boccia una norma che consentiva alla Corle dei conti di imporre modifiche ai preventivi e ai consuntivi Bilanci delle regioni, controlli indeboliti Corte conti con le armi spuntate nei confronti delle regioni spendaccione. I magistrati contabili continueranno a esaminare i bilanci (preventivi e consuntivi) dei governatori per verificare il rispetto del patto di Stabilità e l'assenza di irregolarità in grado di portare gli enti al dissesto. Ma dovranno tacere. Nel senso che non potranno più obbligare le regioni, una volta accertati squilibri finanziari, a riscrivere i bilanci. La Corte costituzionale assesta un duro colpo al cosiddetto decreto sui costi della politica (d1174) approvato nel 2012 sulla scia emotiva degli scandali nella Regione Lazio. Cerisano a pag. 22 La Consulta ha spazzato via la norma chiave del decreto sui costi della politica Controlli, Corte conti indebolita Vietato imporre alle regioni di modificare i bilanci DI FRANCESCO CERISANO Corte conti con le armi spuntate nei confronti delle regioni spendaccione. I magistrati contabili continueranno a esaminare i bilanci (preventivi e consuntivi) dei governatori per verificare il rispetto del patto di stabilità e l'assenza di irregolarità in grado di portare gli enti al dissesto. Ma dovranno tacere. Nel senso che non potranno più obbligare le regioni (una volta accertati squilibri finanziari e la violazione del Patto) a riscrivere i bilanci entro 60 giorni, pena l'impossibilita di effettuare quelle spese che secondo la Corte sono prive di copertura. La sentenza n. 39/2014 della Corte costituzionale, depositata in cancelleria il 6 marzo, (si veda ItaliaOggi di ieri) assesta un duro colpo al cosiddetto decreto sui costi della politica (dl 174/2012), approvato dal governo Monti sulla scia emotiva degli scandali di sperpero di denaro pubblico che, partiti dal Lazio, hanno poi coinvolto molte altre amministrazioni regionali. Il cuore del provvedimento, ossia l'art. 1 che rafforza il ruolo della Corte conti nella verifica della gestione finanziaria delle regioni, esce infatti depotenziato a causa della cancellazione del comma 7. Una norma chiave proprio perché obbligava i governatori ad eliminare le irregolarità. Per la Corte costituzionale questo «obbligo» travalica i poteri affidati alla magistratura contabile perché le funzioni di controllo attribuite ai giudici erariali «non possono essere spinte fino a vincolare il contenuto degli atti legislativi o a privarli dei loro effetti». Come il bilancio dello stato, anche quello delle regioni, infatti, è approvato con legge (per le manovre regionali si usa ancora il termine «Finanziaria» non più in uso per i conti statali). E imporre alle amministrazioni di correggerli significherebbe obbligare i consigli ad approvare una nuova legge, violando così l'autonomia di giudizio dei parlamenti regionali. Un'autonomia che, secondo la Consulta, non pub essere vincolata da organi esterni. Tanto più che la Corte dei conti è organo esso stesso sottoposto alla legge. E «la previsione che una pronuncia delle sezioni di controllo possa avere l'effetto di inibire l'efficacia di una legge si configura come palesamente estranea al nostro ordinamento costituzionale e lesiva della potestà legislativa regionale». Secondo la Corte costituzionale, dunque, l'art. 1 comma 7 del dl 174 sembra aver voluto aggiungere una nuova forma di controllo di legittimità, affiancando ai giudici costituzionali quelli della Corte conti. Ma un disegno del genere è illegittimo perché in base all'art. 134 della Carta solo la Consulta ha il compito di vigilare sulla legittimità della legislazione. Il richiamo all'art. 134 Cost. è essenziale perché rende la pro-nuncia efficace per tutte le regioni (a statuto ordinario e a statuto speciale) nonché per le province autonome di Trento e Bolzano. Proprio dai territori autonomi è partito l'attacco verso il decreto sui costi della politica. A sferrare l'affondo sono stati il Friuli Venezia Giulia, la Sardegna e la provincia di Trento. Ad accomunare i ricorsi (che proprio per questo sono stati riuniti) due convinzioni: la presunta inapplicabilità del dl 174 alle regioni autonome (sulla base dell'assunto che i controlli disciplinati dagli statuti speciali esaurirebbero i poteri attribuiti alla Corte conti) e la natura necessariamente collaborativa che tutti i controlli sugli enti locali devono avere. La Consulta ha respinto il primo assunto, precisando che le verifiche attribuite alla Corte conti «non si sovrappongono alle funzioni e ai compiti riservati alle autonomie speciali». Ma ha accolto il secondo cancellando l'art. 1 comma 7 «limitatamente alla parte in cui si riferisce al controllo dei bilanci preventivi e dei rendiconti consuntivi delle regioni». La pronuncia, in quanto fondata, come detto, sulla violazione di norme costituzionali acquista efficacia erga omnes e quindi vale per tutte le regioni.



 
     Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by Fabrizio


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
UNA BABY-GANG SPADRONEGGIA A BRAVETTA E PISANA


     Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Associated Topics

Rassegna stampa

"LA REGIONE LAZIO DEVE PAGARE, OGNI GIORNO, TRE MILIONI DI EURO DI INTERESSI" | Login/Crea Account | 1 commento | Search Discussion
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: LA REGIONE LAZIO DEVE PAGARE, OGNI GIORNO, TRE MILIONI DI EURO DI INTERESSI (Voto: 1)
di moon13 il Saturday, 09 August @ 05:15:21 CEST
(Info Utente )
Louis Vuitton Outlet [www.shopbestgoods.com]
Air Jordan Shoes [www.nike-jordanshoes.com]
Polo Outlet Online [www.polo-tshirts.com]
Coach Outlet [www.bestcustomsonline.com]
Headphones By Dre [www.beatsbydreoutlet.net]
Michael Kors Outlet [www.michaelusakors.com]
North Face Outlet [www.northsclearance.com]
Polo Ralph Lauren [www.ralph-laurensale.com]
Gucci Shoes UK [www.guccishoesuk-2014.net]
Michael Kors Outlet Online [www.michaelkorsstates.com]
Polo Outlet [www.polooutlet-store.com]
Hermes Birkin Sale [www.hermes-outletonline.com]
Ralph Lauren Outlet [www.ralph-laurenhome.com]
Marc Jacobs Bags Outlet [www.marcjacobsonsale.com]
MCM Widely [www.mcmworldwides.com]
Longchamp Pairs Sale [www.salongchamppairs.com]
Canada Goose Outlet Online [www.canada-gooser.com]
Burberry Bags Outlet [www.burberrybags2014.com]
Michael Kors USA [www.michaelkors.so]
Oakley Sunglaases Outlet [www.oakley-sunglassfactory.com]
North Face Jackets Outlet [www.north-faceoutlet.us.com]
Moncler Jackets Outlet [www.moncler-clearance.com]
Woolrich Jackets Outlet [www.woolrich-clearance.com]
Barbour Jackets Outlet [www.barbour-jacketsoutlet.com]
Moncler Mens Jackets [www.moncler-jacketsoutletonline.com]
Monster Heapphones Outlet [www.monsterbeatsbydres.net]
Louis Vuitton Outlet Online [www.louis-vuittonblackfriday.com]
Gucci Shoes Factory [www.lv-guccishoesfactory.com]
Cheap Clothes Online [www.cheapdiscountoutlet.com]
Michael Kors Factory [www.michael-korsfactoryonline.com]
Coach Factory Outlet Online [www.coach-factoryoutlets.net]
Coach Outlet [www.bestcustomsonline.com]
Coach Store Outlet [www.coach-storeoutletonline.com]
Coach Factory Outlet [www.coach-factoryoutletonlines.com]

Leggi il resto di questo commento...






@ 2005-2015 by Fabrizio Santori
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi