Welcome to ***SANTORI Fabrizio sito ufficiale, Rialzati Roma !!

     Eventi

     PARTECIPA
· Home
· Argomenti
· Cerca
· Il Mio Impegno
· Invita un amico
· Link
· Scrivimi
· Sondaggi
· Statistiche
· StopMoschee

     IN EVIDENZA
· Omniroma-ARVU-EUROPEA, SANTORI (FDI): PREMIO SICUREZZA RICONOSCIMENTO EROI NOSTR[ 0 commenti - 6 letture ]
· Omniroma-S.GIOVANNI, SANTORI (FDI) "SPUNTANO CARTELLI 'ATTENZIONE ALBE[ 0 commenti - 12 letture ]
· Omniroma-MURATELLA, SANTORI-CATALANO (FDI): LAVORI ASILO BLOCCATI CAUSA SCIATTER[ 0 commenti - 18 letture ]
· Omniroma-ASL RM1, SANTORI: INSPIEGABILE CHIUSURA AMBULATORIO VETERINARIO VIA ALD[ 0 commenti - 17 letture ]
· BANDI, CONCORSI, TIROCINI E OPPORTUNITA' NOVEMBRE 2017[ 0 commenti - 75 letture ]

[ Altro nella News Section ]

     Chi è in linea
In questo momento ci sono, 87 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

     SPRAZZI DI WEB

Relax
[ Relax ]

·SANITA' REGIONE LAZIO, AL VIA IL PIANO CONTRO IL CALDO
·SPORT: LE NOTIZIE DELL' ANNO
·CURIOSITA': LE NOTIZIE DELL' ANNO
·NATALE INSIEME, 14 DICEMBRE 2012 AL TEATRO TENDASTRISCE
·A NATALE ROMA SI METTE IN LUCE
·GARA IN MOUNTAIN BIKE 6 ORE PINETA CASTEL FUSANO
·OFFICINA MODA E DINTORNI LUNGO IL TEVERE ROMA
·POLITICA VA IN VACANZA MA CON ROMA SEMPRE A TIRO
·COSA FARE A SAN VALENTINO. SI FESTEGGIA INSIEME AL CARNEVALE ROMANO

 Info dalla Regione: ARSENICO: ALTRE REGIONI HANNO RISOLTO, IL LAZIO NO

Rassegna stampaCorriere della Sera  Corriere.it di Alessandro Fulloni 14 marzo 2014http://www.corriere.it/cronaca/14_marzo_13/arsenico-nell-acqua-tutta-italia-rientra-parametri-lazio-no-a1276b64-aac8-11e3-a415-108350ae7b5e.shtml
ROMA - L’ arsenico negli acquedotti italiani? Un problema che in dieci anni è stato risolto dappertutto, salvo che nel Lazio. E adesso per i «disagi subiti» dall’utenza si parla concretamente di riduzione delle bollette e addebiti - in pratica: multe - per i responsabili delle inadempienze: Regione, Province, società di erogazione. E’ quel che emerge da due rapporti incrociati - uno dell’Istituto Superiore della Sanità e l’altro dell’Autorità per l’energia elettrica, acqua e gas - visionati in anteprima da Corriere.it

La mappatura dell’Istituto di Sanità Sono impietosi, quei puntolini rossi che compaiono sulla cartina ufficiale elaborata dall’Istituto Superiore di Sanità e che raccontano l’andamento dell’emergenza arsenico, segnalata all’Italia da Bruxelles già nel 2004. La mappa spiega come la questione dei quantitativi «fuorilegge» della sostanza venefica disciolta nell’acqua sia stata affrontata, e progressivamente risolta, in tutte le regioni. Salvo che nel Lazio. Dove si concentrano, appunto, i puntolini rossi rimasti. Che indicano le località in cui esistono criticità, oggi circa una ventina. Il perché del ritardo resta tutto da chiarire: leggerezza, sottovalutazione dell’allarme, scarsa voglia di spendere nelle apparecchiature di filtraggio. Non bastasse, sui ritardi di Regione Lazio (le giunte che si sono susseguite dalla prima allerta Ue sono quelle Storace, Marazzo, Polverini e Zingaretti), Province di Roma, Latina e Viterbo e società di erogazione idrica, si concentra anche un’inchiesta dell’Autorità per l’Energia, l’ente che stabilisce, tra le altre cose, il tariffario delle bollette. Sono assai probabili riduzioni degli importi e addebiti ai responsabili dei disservizi. Indice puntato anche contro l’Arsial, (l’Agenzia regionale per l’agricoltura) in questi giorni sotto accusa per le inefficienze mostrate nella gestione dell’emergenza esplosa negli acquedotti di due municipi romani: XIV E XV. L’Autorithy all’Energia contesta all’ente regionale di non aver adempiuto all’obbligo di comunicare i dati e le informazioni necessari all’elaborazione dei criteri tariffari.
 
«Disagi per l’utenza», addebiti in arrivo Fonti dell’Autorità spiegano che i «disagi subiti dall’utenza» non possono essere contabilizzati nelle tariffe in quanto la potabilità dell’acqua non è collegabile a criteri economici (della serie: non si può monetizzare la salute in cambio di sconti in tariffa). Ma in qualche modo chi ha sbagliato pagherà. L’obiettivo è quello di delineare «la valutazione del soggetto cui imputare l’onere determinato» dalle eventuali misure sostitutive per far fronte all’emergenza, come l’uso di autobotti e la fornitura di acque minerali in bottiglia etc. Per essere più chiari: si tratta di far sì che gli oneri dell’emergenza siano correttamente addebitati ai responsabili dell’acqua contaminata. E non fatti pagare all’utenza.
Nel 2004 il primo allarme Ue Quanto all’arsenico, l’allarme dalla Ue era stato lanciato più volte, a partire dal 2004: «L’Italia deve ridurre la presenza della sostanza venefica nell’acqua potabile, troppo alto il rischio per la salute». E appunto: da allora l’Istituto di Sanità, raccogliendo i dati in arrivo da Asl e società di erogazione idrica, ha monitorato i quantitativi di sostanza disciolta. L’emergenza si è rivelata pesantissima in molte regioni, come evidenziato nel primo riquadro della mappatura. L’allerta era in vigore in Val d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Trentino, Emilia, Toscana, Marche, Lazio.
Emergenza risolta in Val d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Trentino, Emilia, Toscana, Marche
Progressivamente, grazie sia agli interventi di filtraggio e soprattutto a un contestato programma di deroghe - in molti hanno parlato di «sanatorie» che mettevano a repentaglio la salute - autorizzate prima dal ministero della Salute e in ultimo anche dalla Commissione Sanità della Ue, il problema è stato risolto. Lo si vede chiaramente sulle tavole successive. I puntolini rossi scompaiono progressivamente. L’acqua è tornata potabile. Anche per via dell’abbassamento dei limiti tollerati: fissati inizialmente un minimo di 10 milligrammi per litro. Tetto a lungo innalzato al limite di 50 e poi ribassato dopo le rimostranze Ue.
Il rapporto dell’Autorità Energia All’Autorità spiegano che «per quanto riguarda i Comuni delle Regioni Lombardia, Toscana, Campania e delle Province Autonome di Trento e Bolzano, l’emergenza risulta rientrata - la «fotografia» è stata scattata a inizio 2013, ndr - con la scadenza dell’ultima deroga». Diversamente, alcune «criticità si riscontrano ancora in vari comuni del Lazio, come rilevato dall’Istituto superiore di sanità - che ha conseguentemente emanato le opportune raccomandazioni - pur considerando gli investimenti previsti sia per impianti di dearsenificazione, sia per opere per l’approvvigionamento alternativo».
Misure realizzate «solo in parte» Di fatto, le misure pianificate «sono state solo in parte realizzate, procrastinando la situazione di emergenza che a partire dal 1° gennaio 2013 riguarda prevalentemente alcune aree dell’ATO 1-Viterbo (che pare presentare la situazione più critica) e dell’ATO 2-Roma». E ancora:
«i 9 anni di deroghe, scaduti il 31 dicembre 2012, non sono stati sufficienti a rientrare pienamente nei parametri di conformità»
«i 9 anni di deroghe, scaduti il 31 dicembre 2012, non sono stati sufficienti a rientrare pienamente nei parametri di conformità». Adesso, secondo una stima dell’Autorità, l’emergenza riguarda ancora 281.614 persone. Se non altro il futuro è incoraggiante: «per una popolazione 182 mila individui è previsto il completamento dei lavori entro il 31 dicembre 2014, anche se l’avanzamento consentirà un progressivo rientro entro i parametri di legge già nel corso del 2014». Non male, dieci anni dopo il primo allarme Ue.


I test compiuti sui campionamenti effettuati dal dipartimento di prevenzione della ASL Roma E non hanno rilevato la presenza di arsenico, tutti sono risultati inferiori al limite di quantificazione, non ci sono livelli superiori ai limiti di legge.
Open in new window
Le analisi sul latte svolte presso i laboratori dell'Istituto Zooprofilattico su 6 allevamenti serviti dall' acquedotto Arsial hanno dato esito favorevole: nel latte degli animali non sono state trovate tracce di arsenico. Questi risultati sono in linea con gli esiti di studi scientifici pubblicati a livello internazionale, che dimostrano come sia poco rilevante il coefficiente di trasferimento di questo contaminante dagli animali verso gli alimenti derivati.

Resta comunque alta l'attenzione degli organi di controllo della Regione (Servizi Veterinari ASL ed Istituto Zooprofilattico Lazio e Toscana) a tutela dei consumatori e delle produzioni del territorio laziale: nei prossimi giorni sarà elaborato un piano di monitoraggio sugli alimenti e sugli animali proprio in relazione a questo contaminante ambientale che, giova ricordarlo, è presente nelle acque freatiche per fenomeni di cessione naturale legata alla natura vulcanica dei suoli.




 
     Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by fabrizio


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
UNA BABY-GANG SPADRONEGGIA A BRAVETTA E PISANA


     Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Associated Topics

Rassegna stampa

"ARSENICO: ALTRE REGIONI HANNO RISOLTO, IL LAZIO NO" | Login/Crea Account | 1 commento | Search Discussion
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Re: ARSENICO: ALTRE REGIONI HANNO RISOLTO, IL LAZIO NO (Voto: 1)
di moon13 il Saturday, 09 August @ 05:14:31 CEST
(Info Utente )
Louis Vuitton Outlet [www.shopbestgoods.com]
Air Jordan Shoes [www.nike-jordanshoes.com]
Polo Outlet Online [www.polo-tshirts.com]
Coach Outlet [www.bestcustomsonline.com]
Headphones By Dre [www.beatsbydreoutlet.net]
Michael Kors Outlet [www.michaelusakors.com]
North Face Outlet [www.northsclearance.com]
Polo Ralph Lauren [www.ralph-laurensale.com]
Gucci Shoes UK [www.guccishoesuk-2014.net]
Michael Kors Outlet Online [www.michaelkorsstates.com]
Polo Outlet [www.polooutlet-store.com]
Hermes Birkin Sale [www.hermes-outletonline.com]
Ralph Lauren Outlet [www.ralph-laurenhome.com]
Marc Jacobs Bags Outlet [www.marcjacobsonsale.com]
MCM Widely [www.mcmworldwides.com]
Longchamp Pairs Sale [www.salongchamppairs.com]
Canada Goose Outlet Online [www.canada-gooser.com]
Burberry Bags Outlet [www.burberrybags2014.com]
Michael Kors USA [www.michaelkors.so]
Oakley Sunglaases Outlet [www.oakley-sunglassfactory.com]
North Face Jackets Outlet [www.north-faceoutlet.us.com]
Moncler Jackets Outlet [www.moncler-clearance.com]
Woolrich Jackets Outlet [www.woolrich-clearance.com]
Barbour Jackets Outlet [www.barbour-jacketsoutlet.com]
Moncler Mens Jackets [www.moncler-jacketsoutletonline.com]
Monster Heapphones Outlet [www.monsterbeatsbydres.net]
Louis Vuitton Outlet Online [www.louis-vuittonblackfriday.com]
Gucci Shoes Factory [www.lv-guccishoesfactory.com]
Cheap Clothes Online [www.cheapdiscountoutlet.com]
Michael Kors Factory [www.michael-korsfactoryonline.com]
Coach Factory Outlet Online [www.coach-factoryoutlets.net]
Coach Outlet [www.bestcustomsonline.com]
Coach Store Outlet [www.coach-storeoutletonline.com]
Coach Factory Outlet [www.coach-factoryoutletonlines.com]

Leggi il resto di questo commento...






@ 2005-2015 by Fabrizio Santori
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi