Welcome to ***SANTORI Fabrizio sito ufficiale, Rialzati Roma !!

     Eventi



     PARTECIPA
· Home
· Argomenti
· Cerca
· Il Mio Impegno
· Invita un amico
· Link
· Scrivimi
· Sondaggi
· Statistiche
· StopMoschee

     IN EVIDENZA
· Omniroma-SCUOLA, SANTORI-FIGLIOMENI (FDI): NIDO VIA AQUILANTI NON APRIRÀ[ 0 commenti - 5 letture ]
· (LZ) TERREMOTO. SANTORI: NO A CHIUSURA PASS SANITARIO TORRITA[ 0 commenti - 6 letture ]
· Omniroma-BRAVETTA, PICONE (FDI): AUTO E MOTO INCENDIATE, STUDIARE VIABILIT&Agrav[ 0 commenti - 6 letture ]
· Omniroma-DEGRADO, FIGLIOMENI (FDI): "CITTÀ MORTIFICATA DA GIUNTA RAG[ 0 commenti - 7 letture ]
· Omniroma-TURISMO, FIGLIOMENI (FDI): REGOLAMENTARE PER FERMARE FENOMENO ABUSIVISM[ 0 commenti - 5 letture ]

[ Altro nella News Section ]

     Chi è in linea
In questo momento ci sono, 84 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

     SPRAZZI DI WEB

Interrogazioni
[ Interrogazioni ]

·Interrogazione su nomina dg Asl Rm2 Degrassi
·MALAGROTTA, DENUNCIA SULLE MALATTIE SOSPETTE
·INTERVISTA A FABRIZIO SANTORI SU ARSENICO ROMA NORD
·COMUNE DI ROMA. STOP ALLE ASSUNZIONI
·PRESENTATA DIFFIDA PER IL PRU MAGLIA GIANNETTO VALLI - COLONNA
·RIFIUTI. PECORARO: AMA NON PUÒ CONFERIRE NEI TMB DI COLARI "OBBLIGAT
·E ORMAI NEL LAZIO ZINGARETTI E... NELLA MONNEZZA
·SALUTE, NOMINATI 13 DIRETTORI GENERALI SU 18 PER ASL E OSPEDALI
·ECCO LA SHORT LIST DI ZINGARETTI SUI NUOVI DG

 Tarda l'ambulanza. Muore

Rassegna stampa
Tarda l`ambulanza. Muore
Ancora morti per l`ambulanza in ritardo
Dopo il decesso di una giovane per epilessia nuova tragedia nella Capitale Ritardo nei soccorsi fatale per un uomo di 74 anni morto dopo 12 giorni di coma
Roma, 30 gen. 2017 - Altra vittima a Roma. Il mezzo arriva dopo 25 minuti, indagano i carabinieri Tarda l'ambulanza. Muore • Ha aspettato l'ambulanza 20 minuti nonostante i figli si raccomandassero ali Operatore del 118 perché il padre non respirava più per un infarto. Ma la risposta è stata che in quel momento a Roma non c'erano mezzi disponibili da dirottare nella zona. 


Cosi S. V., 74 anni, è morto dopo 12 giorni di coma e ora i figli hanno presentato una denuncia. I numeri della sanità nel Lazio sono drammatici: la metà delle ambulanze resta bloccata davanti ai Pronto Soccorso per ché non ci sono posti per i pazienti. E dal 2006 sono stati tagliati 10 mila posti tra medici e infermieri. Sbraga -» alle pagine 10eil Ancora morti per l'ambulanza in ritardi Dopo il decesso di una giovane per epilessia nuova tragedia nella Capitale Ritardo nei soccorsi fatale per un uomo di 74 anni morto dopo 12 giorni di con Antonio Sbraga • «Alla quarta telefonata consecutiva, dopo 20 minuti di inutile attesa, l'operatore del 118 mi ha detto "guardi, è inutile che continua a chiamare, perché purtroppo nonho nessuna ambulanza disponibile su Roma". Quei minuti sono stati fataliperl'infartodi mio padre, che si sarebbe potuto salvare con una ventilazione assistita in ambulanza, invece è morto dopo 12 giorni di coma». Fabiola fa l'infermiera, sa quanto sia importante l'immediatezza dei soccorsi, e stavolta ha vissuto sulla pelle del padre di 74 anni l'attesa impotente dei familiari dopo il primo malore. «Si è sentito male al cinema Starplex e, dopo quel che mi ha detto l'operatore, mi sono precipitata a prendere la macchina al parcheggio del centro commerciale Gulliver per portare mio padre direttamente all'ospedale Sant'Andrea, che da 1º dista 5 chilometri, con mia figlia di 11 anni che sul retro tentava disperatamente di massaggiare e rianimare il nonno. È stato subito operato, gli sono stati impiantati degli stent coronarici, l'intervento è riuscito benissimo. Però quell'ipossia, la mancanza d'ossigeno al cervello durante quella mezz'ora maledetta, purtroppo gli è stata fatale». S.V.èmortodopol2 giorni di coma e i suoi tré figli sono ora andati a denunciare il caso alla stazione dei carabinieri, perché sono convinti che, «se avessero mandato un'ambulanza, anche ricorrendo a una di quelle private della Croce Verde, la cui postazione dista circa tré chilometri dal cinema, si sarebbe potuto salvare, anche perché lì vicino ci sono ben tré ospedali: a tré chilometri il San Filippo Neri, a cinque il Sant'Andrea e a sette il Gemelli». Un quartiere che, aggiunge Fabiola, nonostante quelle vicinanze ai tré nosocomi, «era sconosciuto all'operatore che mi ha risposto allaterza telefonata, che insisteva nel ripetere "lei non mi sta chiamando da Roma, Ottavia non è Roma, ma è sicura?", e allora, a quel punto, anche gli impiegati del cinema hanno iniziato a telefonare per sollecitare i soccorsi». I quali sono arrivati, ma soltanto dopo 24 minuti, come ricostruisce la stessa direzione dell'Ares 118, che ammette la mancanza di mezzi a dispo sizio ne in quel quadrante di Roma al momento delle prime 2 chiamate. «Da un primo esame degli atti ufficiali a nostra disposizione (schede informatiche di Centrale Operativa, scheda di intervento dell'ambulanza intervenuta e registrazioni telefoniche), emerge questa tempistica di intervento rispetto al soccorso segnalatoci - riepiloga la direzione generale dell'Ares 118 - La chiamata di soccorso è arrivata in Centrale Operativa alle ore 17.58.40 del 27/12/2016, richiedendo intervento per una difficoltà respiratoria. In quel momento, la Centrale Operativa di Roma stava gestendo una importante mole di interventi sanitari e tutte le ambulanze di quel qua- drante della città erano impegnate in altri soccorsi. Alle ore 18.08.20, la richiedente richiamava per sollecitare l'intervento e le veniva comunicato da un operatore di Centrale che, poiché le ambulanze di zona erano tutte impegnate in altri soccorsi, sarebbe statainviata laprima ambulanza disponibile. Alle 18.14.15, veniva infatti inviata un'ambulanza app
ena liberatasi da altro soccorso, che giungeva sul posto alle ore 18.22. Sulluogo dell'evento veniva comunicato agli operatori di ambulanza che il paziente era già stato portato in Ospedale con mezzi propri». E su questo episodio il consigliere regionale Fabrizio Santori (Fdl) si dice pronto a tornare in Procura per un'integrazione dell'esposto già presentato nei giorni scorsi «sulla morte della giovane Raffaella Novaldi e il caso delle ambu lanze ferme negli ospedali della Capitale. Non è tollerabile un servizio sanitario che non sia in grado di garantire nei giusti tempi i primi e più importanti soccorsi ai cittadini. Questa situazione di totale abbandono e sfacelo è insostenibile: pertanto auspico che la Procura di Roma intervenga in fretta per delineare il quadro della gestione dei servizi di emergenza e che U ministro Beatrice Lorenzin avvii un processo che possa assicurare adeguati livelli di sanità nella nostra Regione».



 
     Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by fabrizio


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
UNA BABY-GANG SPADRONEGGIA A BRAVETTA E PISANA


     Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Associated Topics

Rassegna stampa

"Tarda l'ambulanza. Muore" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati




@ 2005-2015 by Fabrizio Santori
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.16 Secondi