Welcome to ***SANTORI Fabrizio sito ufficiale, Rialzati Roma !!

     Eventi

     PARTECIPA
· Home
· Argomenti
· Cerca
· Il Mio Impegno
· Invita un amico
· Link
· Scrivimi
· Sondaggi
· Statistiche
· StopMoschee

     IN EVIDENZA
· Omniroma-ASL RM1, SANTORI: INSPIEGABILE CHIUSURA AMBULATORIO VETERINARIO VIA ALD[ 0 commenti - 8 letture ]
· BANDI, CONCORSI, TIROCINI E OPPORTUNITA' NOVEMBRE 2017[ 0 commenti - 60 letture ]
· SPORT IN/E MOVIMENTO[ 0 commenti - 21 letture ]
· OSTIA. DI PILLO-PICCA CERCANO VOTI ASTENUTI, MA VINCE "TANTO NON CAMBIA NIE[ 0 commenti - 4 letture ]
· Omniroma-EX BUFFETTI, FDI-ECOITALIASOLIDALE: RAGGI FINALMENTE RISPONDE SU BONIFI[ 0 commenti - 5 letture ]

[ Altro nella News Section ]

     Chi è in linea
In questo momento ci sono, 53 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

     SPRAZZI DI WEB

Notizie dal mondo
[ Notizie dal mondo ]

·INVITO ALLA CONFERENZA STAMPA LIBERI DALL'AMIANTO
·MIGRANTI: ROMA PRIMA PROVINCIA E LAZIO SECONDA REGIONE PER NUMERO PRESENZE =
·ADDIO ALLA LADY DI FERRO, E' MORTA MARGARETH TATCHER EX PREMIER BRITANNICA
·UE, ATTENTI A POPULISMO, ORA ITALIA RISPETTI IMPEGNI
·ELEZIONI: EUROPA SORPRESA E PREOCCUPATA
·MARO' TORNANO A CASA PER 4 SETTIMANE, ROMA SODDISFATTA
·GAY: SENTENZA STRASBURGO, LA POLITICA SI DIVIDE
·MONDO SI MOBILITA DA ROMA CONTRO LE MUTILAZIONI GENITALI
·CORTE STRASBURGO, ITALIA NON GARANTISCE PADRI SEPARATI

 Da Formiche.net: Ecco perché Sky, Esso e Mediaset dicono addio a Roma

Rassegna stampaGiugno 2017 - La grande fuga delle multinazionali da Roma è in pieno svolgimento. Dopo Sky (200 dipendenti), Mediaset (140) è stata la Esso, società petrolifera americana, a decidere di trasferire in Liguria i suoi 250 dipendenti. 

Siamo solo agli inizi di quella che si annuncia come una profonda riallocazione di business alla ricerca delle migliori esigenze per produrre e che presto coinvolgerà anche le imprese di successo, di dimensioni medie e piccole, nate a Roma, quindi non delle multinazionali, impossibilitate e stanche di dover operare in un territorio del tutto inadatto a fare impresa. Su ItaliaOggi sono anni che denunciamo il disastro della situazione del Lazio, una regione che, da un decennio, pretende di applicare alle imprese che vi producono la più elevata addizionale Irap d’Italia e illudendosi che ciò non produca nel medio termine degli effetti di spiazzamento nelle decisioni di investimento delle imprese. A Roma, poi, si aggiungono le doppie addizionali Irpef, comunale e regionale, che fanno pagare ai lavoratori romani il costo più salato d’Italia in termini di imposte sul reddito. Un manager di una multinazionale, tanto per essere chiari, se anziché lavorare a Roma si ricolloca a Milano o a Verona risparmia quasi il 4,5% annuo di minori addizionali Irpef (il 3,33% regionale e lo 0,9% comunale). Se a tutto ciò si aggiunge che la qualità dei servizi pubblici nella capitale sono da terzo mondo e che se, per una qualsiasi ragione, un’ impresa ha la sventura di imbattersi con la burocrazia della Regione Lazio, il costo indiretto di tale inefficienza burocratica molto spesso rende l’investimento non più conveniente. Resta una domanda semplice a cui, soprattutto la cosiddetta classe dirigente italiana, si dovrebbe dare una risposta: può la capitale del terzo paese dell’Eurozona e ancora nel G7 diventare un deserto imprenditoriale e produttivo dal lato privato dell’economia? Ovviamente in un paese normale non sarebbe neppure ipotizzabile, perché perfino Berlino è una capitale dinamica e ha saputo diventare il nuovo hub delle aziende innovative e delle startup tedesche, come certifica, ad esempio, la sede di Zalando nella capitale tedesca. Roma, invece, in pieno ventunesimo secolo non ha ancora un fondo di venture capital privato in attività. “A Fra’ che te serve?”, chiedeva qualche decennio fa un noto imprenditore romano al braccio destro di Giulio Andreotti, certificando la dipendenza totale del business romano dalla politica. Ma nel mondo di oggi, o le capitali sanno essere attrattive, anche in termini fiscali, per i capitali della conoscenza e per i lavoratori creativi oppure si desertificano. Roma è già molto avanti sulla strada che porta al Sahara industriale.

http://formiche.net/2017/06/04/tasse-roma-sahara-industria/



 
     Links Correlati
· Inoltre Rassegna stampa
· News by fabrizio


Articolo più letto relativo a Rassegna stampa:
UNA BABY-GANG SPADRONEGGIA A BRAVETTA E PISANA


     Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


     Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Associated Topics

Rassegna stampa

"Da Formiche.net: Ecco perché Sky, Esso e Mediaset dicono addio a Roma" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati




@ 2005-2015 by Fabrizio Santori
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.11 Secondi