LE DONNE DI AN PROTAGONISTE DEL CAMBIAMENTO
Data: Friday, 01 September @ 19:29:01 CEST
Argomento: Contatto con il territorio


SEI DONNA E PENSI DI POTERTI
IMPEGNARE NELLA SOCIETA’ CIVILE, NEL VOLONTARIATO, NELLA POLITICA?
 
SEI DONNA E ACCANTO AL TUO RUOLO TRADIZIONALE VUOI ASCOLTARE, FARTI ASCOLTARE, PROGETTARE E AGIRE?
 
SEI DONNA
E VUOI FAR SENTIRE LA TUA VOCE?
 
ALLORA VIENI A TROVARCI
TUTTI I GIOVEDI ALLE ORE 18
IN VIA D. DE BLASI, 57
SOLO UNITE RAGGIUNGEREMO
I NOSTRI OBIETTIVI
 
INFO: ROSARIA E GABRIELLA

Associazione Mila di Codra

VIA D. DE BLASI 57  ROMA

Tutti i giovedi contattaci 06-6534609

MILADICODRA@EMAIL.IT 



DONNE PROTAGONISTE


DONNE PROTAGONISTE DEL NUOVO CORSO DI AN

Roma, 25 luglio 2006

“L’idea di aprire un ‘tavolo delle donne’ con le forze che aderiscono al Ppe è senz’altro positiva, ed evidenzia la rapidità di riflessi delle donne di An, che evidentemente intendono essere protagoniste del nuovo corso”. Così l’on. Flavia Perina commenta l’iniziativa promossa dal dipartimento Pari opportunità del partito di via della Scrofa.

“La mia opinione – prosegue Perina - è che il dibattito dovrebbe incentrarsi più che su una sorta di ‘carta di valori’ su una piattaforma marcatamente politica, con particolare riferimento a cinque temi forti: la violenza contro le donne e i minori, europei o immigrati che siano; l’armonizzazione dei diritti delle minoranze con quelli delle maggioranze; la progressiva sostituzione degli organismi intitolati alle pari opportunità con Commissioni per i diritti delle donne; una seria riflessione sull’estensione dei diritti delle donne riconosciuti in Europa alla comunità delle immigrate, temporanee o permanenti che siano, con norme che distinguano con fermezza la tutela delle tradizioni e delle singole culture dall’abuso; la valorizzazione della competenza femminile sui temi legati all’utilizzo scientifico del corpo della donna, e quindi dell’embrione in tutte le sue fasi”.

Anche Paola Frassinetti accoglie “con favore” il documento di Gianfranco Fini. “Le linee innovative comprese nel documento vanno nella direzione che già da tempo An ha preso: quella di puntare sul contributo che le donne possono dare sia nelle istituzioni, sia nel mondo del lavoro e dell'imprenditoria -sottolinea l'esponente di via della Scrofa-.  Il richiamo ai principi dell'accoglienza e dell'inclusività, ai valori della famiglia e della persona è sicuramente in sintonia delle esigenze e le priorità del mondo femminile. Saremo quindi con entusiasmo protagoniste di questa 'nuova stagione', con la consapevolezza che, solo continuando il processo di inserimento e valorizzazione della donna, potremo a tutti gli effetti rappresentare le energie più dinamiche e innovatrici per avere una vera dimensione europea".

Per Angiola Tatarella l'adesione di An al PPE “più che una svolta, è un percorso naturale che traccia nuovi sentieri. Il ruolo di una forza politica è quello di interpretare il proprio tempo, la 'polis' ora è l'Europa e non fare i conti con questa realtà vuol dire rimanere fuori dal mondo in cui vive”. La parlamentare di An propone inoltre "due norme per un 'codice di comportamento': ama la politica come bene comune e ama il partito come te stesso. Su ciò e su altro - conclude Tatarella - le donne di Alleanza Nazionale sono chiamate a meditare e a operare".
(Torna su)
AN: SALTAMARTINI, CON DOCUMENTO FINI SI APRE NUOVA FASE DEL PARTITO
Donne chiamate a contribuire a salto di qualità

Alleanza Nazionale ricomincia a discutere di Politica e scopre di essere un grande partito interessato, non al gossip politico riciclato, ma a come riconquistare quella maggioranza degli italiani che guarda al centrodestra come forza credibile per governare l’Italia.

Dal documento del Presidente Fini, finalmente si è riaperto il dibattito interno al partito. Dibattito che già nelle sue forme dimostra che una nuova fase è iniziata. C’è la volontà di dialogo interno ed esterno, tra i quadri e gli iscritti al partito come con le categorie produttive (lo dimostra la grande mobilitazione contro il decreto Bersani); c’è la voglia di modulare il linguaggio per cercare di farsi capire dalla società senza aver paura di doversi autoassicurare, consapevoli di rappresentare una destra che parla al Paese e all’Europa.

In quest’ottica, anche l’iniziativa di oggi, vuole aprire un confronto tra le dirigenti di AN, avviando un dibattito che, partendo dai quadri, contamini tutta la nostra base mettendo questo documento alla prova affinché non restino solo enunciazioni, ma si individuino – attraverso il meccanismo della partecipazione interna – i modi con cui alcune parole d’ordine possano tradursi nell’azione politica quotidiana.
Un metodo, questo, che non può che registrare entusiasmo in quella che è la sostanza stessa di AN: gli eletti negli enti locali, i presidenti delle federazioni, dei circoli e dei semplici iscritti chiamati a contribuire a questa svolta necessaria per il nostro partito, anche a seguito dell’ultima sconfitta elettorale, per tornare a volare oltre quel 12%.

Il documento è quindi la base di partenza, contiene molti spunti interessanti soprattutto dal punto di vista femminile. Si parla di centralità della persona, di famiglia fondata sul matrimonio, del valore e del rispetto della vita, di lavoro femminile, di giovani; si trovano concetti importanti come “partecipazione”, “inclusione”, “sussidarietà”, “coinvolgimento”, “dialogo”, “questione morale” che da sempre sono i temi su cui le donne spesso hanno rappresentato l’avanguardia del movimento.

Oggi, quindi, soprattutto le donne del partito sono chiamate a compiere un grande sforzo per contribuire a quel salto di qualità, per misurarsi con la realtà circostante, aprendo senza aver paura di perdere le proprie radici e la propria identità politica.
Per far questo dobbiamo essere capaci di parlare a tutto il centrodestra, dobbiamo lavorare sul progetto, sui valori, sulla modernizzazione dell’Italia. Dobbiamo renderci interpreti dei nuovi bisogni dei cittadini, dobbiamo costruire una grande opposizione al governo delle sinistre per prepararci a ritornare a essere i rappresentanti della grande maggioranza del paese.

Allora a partire dal documento occorre lavorare per una svolta profonda e reale, occorre rifondare la politica con un lavoro quotidiano al centro come sul territorio, che porti a una nuova capacità di aggregare, di far crescere la struttura organizzativa e di selezione della classe dirigente.

Noi donne di AN abbiamo scelto di farlo confrontandoci con tutti i livelli del partito, dalle dirigenti alle iscritte con tre grandi iniziative che a partire dal mese di settembre – come dipartimento femminile – realizzeremo sul territorio nazionale, ma soprattutto aprendo un tavolo con le colleghe europee che già sono nel PPE. 

Iniziativa importantissima questa che non può che vedermi d’accordo con Daniela Santanchè, perché ci permette di aprire un serio confronto con le altre realtà europee, lavorando su una piattaforma comune di valori per arrivare – con le europee del 2009 – a una nuova stagione per il centrodestra italiano in Europa, contribuendo ad un processo di riforme e di innovazione della UE.
(Torna su)
AN: SANTANCHE', A SETTEMBRE INCONTRO CON LE DONNE DEL PPE

''Le parlamentari di Alleanza Nazionale incontreranno a settembre le colleghe del partito popolare europeo per individuare una piattaforma comune di valori''. Lo ha annunciato la coordinatrice nazionale del Dipartimento pari opportunità  di AN, Daniela Santanche', nel corso della tavola rotonda svoltasi martedì 25 luglio presso l'hotel Nazionale a cui ha partecipato anche il presidente del partito, Gianfranco Fini.
''Madrid sarà il primo appuntamento in Europa - ha annunciato la deputata di AN - che giunge dopo un incontro avuto con il segretario generale del Ppe, Antonio Lopez. Per la ripresa a settembre, parallelamente alle consultazioni europee, in Italia le donne iscritte e simpattizzanti di AN saranno chiamate, in tre distinti appuntamenti a Milano, Roma e Palermo, a discutere il documento presentato da Fini e per offrire spunti di riflessione e approfondimento sul partito che si profila nell'ambito del nuovo 'Centrodestra nella prospettiva europea'''.







Questo Articolo proviene da ***SANTORI Fabrizio sito ufficiale, Rialzati Roma !
http://fabriziosantori.com

L'URL per questa storia è:
http://fabriziosantori.com/modules.php?name=News&file=article&sid=783